Come sapete (e se non lo sapete leggete qua), dal 1 novembre Instapaper ha messo a disposizione di tutti per sempre le funzioni premium.
Cos’è instapaper? In soldoni Instapaper è un servizio read it later, una cosa che vi permette di salvare articoli e pagine web in uno spazio cloud  e leggerle comodamente quando avete tempo/voglia, in un formato che agevola la lettura, senza orpelli e pubblicità. Avete presente Pocket? Beh ecco, Instapaper fa la stessa cosa.

Ora, da anni sono utente di Pocket, partecipo al programma beta senza sapere perché (mi era arrivata una notifica sul cellulare e mi sono detto “Ma si, perchè non provarlo?”) e senza usare tutte le funzioni che il servizio mette a disposizione. Per me Pocket serve solo a salvare gli articoli che non ho tempo di leggere e che voglio leggere in seguito o semplicemente perché mi piace tenerli lì, magari in futuro servono, sopratutto guide e tutorial. Un’altra funzione utilissima dei servizi read it later deriva dal fatto che i più famosi, ancora, Pocket, sono multipiattaforma, quindi possono benissimo fungere da bookmark manager per chi, come me, utilizza indistintamente più browser su diverse piattaforme.

Ed eccomi a ieri, che ho visto questa cosa di Instapaper premium gratis per tutti e ho pensato che dovevo assolutamente provarlo. Prima chance.
Mi collego al sito, mi registro in due click, pronto il mio account. Intanto osservo, penso che ha un’interfaccia molto semplice e minimale, bianco su nero, è proprio un servizio per la lettura, aiuta a concentrarsi. Dopo una breve ricerca su Google scopro come importare in Instapaper gli articoli che ho salvato su Pocket. Appare un simpatico popup che mi assicura sul fatto che i miei articoli saranno disponibili entro qualche minuto.
Qualche minuto è diventato mezz’ora.

Gli articoli ci sono. Instapaper, a differenza di Pocket che usa i tag, per cui si possono mettere quanti più tag si desidera a ogni articolo, col rischio di fare un casino come nel mio caso, permette di ordinare gli articoli in comode cartelle; se ne possono creare quante se ne vuole. Bene. Creo le mie cartelle, inizio a suddividere gli articoli salvati. Dopo un po’ noto che alcuni sono restii a infilarsi nelle mie cartelle. Refresho la pagina. Pagina vuota. Devo chiudere e riaprire il browser. Instanto installo l’app sul mio tablet e sul mio Moto G. Gli articoli che avevo pazientemente suddiviso non sono più suddivisi. Sembra ci sia stato un problema di sincronizzazione o non so che. Inizio a spazientirmi. Mi lamento su Twitter. Chiudo.

Rimango con Pocket, penso. Però quell’interfaccia così pulita, minimale, nero su bianco, ordinata, continua a rimanermi fissa in testa, me la vedo davanti, mi immagino comodamente svaccato sul divano col tablet a leggere la pagina a sfondo bianco con font times new roman e qualche immagine di tanto in tanto.

Dopo cena gli concendo una seconda chance. Di nuovo, ancora più pazientemente, suddivido tutti i link che avevo importato da Pocket, circa 300. Pare che ce l’ho fatta.
Un giorno vi dirò se avrò abbandonato Pocket oppure no.

Per la cronaca, ecco come appaiono le home screen delle due app per Android.

Questa è invece la visualizzazione di un articolo in modalità lettura, con entrambe le app, su Android (stesso articolo). Già qui le differenze si vedono di meno.

Intanto, se siete indecisi su quale servizio usare e masticate un po’ d’Inglese vi suggerisco questo confronto, decisamente migliore dal punto di vista tecnico di quello che ho fatto io.

 

Advertisements

2 thoughts on “Ho dato due chance a Instapaper

  1. La divisione per cartelle è indubbiamente più comoda di quella per tag. Per non parlare della funzionalità delle note, che per alcune tipologie di post risultano essere estremamente comode.

    Peccato per i piccoli ma fastidiosi problemi di sync da te citati e dell’interfaccia grafica che, a parer mio, risulta leggermente più curata su Pocket.

    Saluti 🙂

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s